Grattate di classe ad alta quota

Metti che salendo sull'aereo che ti riporta a casa
noti una bella donna, diciamo....... Di classe:

Un look curato e ricercato..
Bei capelli, lunghi castani,
taglio curato..

Bello spolverino, di tessuto tecnico,
lucido,
cintura in vita..

Sandalo argenteo,
sandalo dove il sandalo è scarpa difficile:
piove almeno tre volte al giorno
nell' Europa 'continentale'...

Sciarpone leggero,
perfetto per l'aereo,
sciarpone tutto fare,
copertina,
sciarpa,
foulard,
telo per spiaggia
all'occorenza.

Bel viso...

Lineamenti forti,
duri,
decisi...

Donna che sa quello che vuole...
occhi grandi..
bella bocca..

Insomma,
una donna che non passa inosservata
e alla quale piace esser guardata...

Metti che sia seduta due file più avanti del tuo posto in aereo.

Metti che sia proprio lì, davanti ai tuoi occhi.

Metti che.....

Ad un certo punto
cominci una ricerca
disperata
di qualcosa
tra i suoi capelli.

E gratta gratta gratta...

Caspita,
non smette più!!!!!!

Non smette più di grattarsi il cuoio capelluto!

Gratta e gratta senza pietà (per chi sta dietro)!!

Ti fa venire voglia di grattare..... Aiuto!

Grattatina.... Di classe...

Ad alta quota...

Eh eh eh eh eh....

Ma si può???

Commenti

Anonimo ha detto…
Gratta...gratta....che ti ri-gratta,in
effetti è vero ,viene come un riflesso condizionato di imitazione. Un po' come lo sbadiglio ...ooOoo...oOoo ,non c'è niente da fare ,personalmente non ho scampo sbadiglio.Anche fermo al semaforo nella macchina accanto ,pronto a partire allo scoccare del verde ooooO.....Il bello è vedere uma reazione a catena ,una scena surreale .
Si puo'? ma certo che si può.... sorridere .
Guarda poi.. il sorriso è contagioso!
Ciao Fairy ,un abbraccio da Roberto.

Post popolari in questo blog