30 days on $30, barefoot edition: day 20: why i cannot be silent

30 days on $30, barefoot edition: day 20: why i cannot be silent: Why cannot I not be silent? Why not just go on about my life? Why not just have a normal life like everyone else? I cannot. It is simply an ...

Ecco la mia traduzione del ventesimo giorno di Kirby , dal suo blog per la raccolta dei fondi per le 10 borse di studio a favore dei bambini poveri delle baraccopoli di Hyderabad. Leggete e condividete per favore :-) Please, read and share!

'Ventesimo giorno: perché non posso tacere

Perché non posso tacere? Perché non andare avanti con la mia vita e basta? Perché non avere una vita normale come chiunque altro? Non posso. E' semplicemente impossibile. Dopo quello che ho visto, non posso tacere sul tema dei bambini che soffrono. Dobbiamo fare qualcosa. Altrimenti tutto il resto sembra esser senza senso, e la vita, nel mondo in cui viviamo, (diventa) una contraddizione con ciò che sappiamo su come dovremmo vivere.

Dobbiamo unirci e vincere su ciò che il mondo ha fatto loro. Io e chiunque altro si prenda il tempo di leggere un blog come questo (tu, per esempio), siamo una minoranza, ma una minoranza appassionata, è c'è qualcosa di inarrestabile in queste voci appassionate e nelle nostre convinzioni. Permettetemi di essere un piccolo 'ventilatore' (alimentatore) per la vostra fiamma, e diciamo che non tutta la speranza è perduta, possiamo farcela e ce la faremo. Ci sono piccole bambine nel nostro centro di formazione al quartiere nei pressi di questa baraccopoli che sperano, alle quali la vita è stata cambiata. Questo è il progresso, la luce, la speranza nel buio.

Dedico il ventesimo giorno a questa bambina che mi ha recentemente seguito in giro per il quartiere povero di Hyderabad. Ad un certo punto ha cominciato a mettersi in posa (per farsi fotografare), dopo che le avevo mostrato come veniva in fotografia, attraverso il piccolo schermo. Qui si è messa in posa mostrando il gesto del 'tacere' (silenzio). Per me significa 'non posso parlare', che per lei è vero. Lei non può parlare per sé stessa. Non ha nessun palco, nessuna voce attraverso cui raccontare le sue lotte, il peso (della sua vita), i suoi sogni, le sue speranze. Così qui, tesoro, sto parlando per te. E' tutto qui. Dobbiamo raccontare la loro storia. Non dobbiamo restare in silenzio.

Oggi abbiamo ricevuto altri 100 dollari che ci portano a 4.153 dollari del nostro obiettivo finale di 5.000 dollari. Questo è incredibilmente incoraggiante per me. Oggi ho trasferito i primi 4.000 dollari e ho incaricato il nostro team locale di avvisare le famiglie dei bambini sulla lista d'attesa che si preparino per l'iscrizione al centro 'The Children's Hope' in Hyderabad.

Lì riceveranno delle nuove uniformi, il loro primo paio di scarpe, articoli per l'igiene, e tutto ciò di cui hanno bisogno per iscriversi ad una scuola locale con la quale stiamo collaborando. Poi, quando li riporteremo al centro, dopo la giornata a scuola, riceveranno un sostegno quotidiano per i compiti ed il tutoring , (studieranno) nel nostro laboratorio di informatica, e riceveranno un pasto fresco prima di esser riportati a casa. Io non vedo l'ora di postare le foto scattate dal nostro team a questi ragazzi che che si 'imbarcano' nel loro nuovo viaggio della speranza. Ecco un paio di immagini 'luminose' di speranza, del nostro programma lì (vedi nel blog).

Il nostro slancio nel raggiungimento dei 5.000 dollari ha subito un piccolo rallentamento. Vorreste prendere in considerazione di contribuire anche con un piccolo importo, 1,5,10 dollari per poter raggiungere l'obiettivo? Fate che sia il vostro modo di superare l'indifferenza, di fare qualcosa, anche se spesso sentite di non poter fare molto con il poco di cui disponete, da offrire. Vorrei farvi riconsiderare quelle che sono le vostre idee - quello che voi credete essere poco o nulla, è moltissimo per questi bambini. Fate sentir loro la vostra voce, date qualcosa, anche se poco.

Se non potete contribuire, va bene ugualmente, siate una voce per loro. Condividete con gli amici le vostre preoccupazioni, il vostro pensiero, postate un Tweet, postate su Facebook, Pinterest, ovunque voi siate collegati. Fate qualcosa!

Oh, sono così emozionato, che quasi mi dimenticavo di dirvi! Il centro 'Children's Hope' è nel bel mezzo di un grande ampliamento con un edificio nuovo di zecca e l'acqua corrente pulita funzionante proprio mentre vi sto scrivendo! Ne scriverò di più domani. Non vedo l'ora di condividere con voi la differenza che questo posto sta per fare. E, ultimissima notizia, il nuovo centro di cui vi ho scritto, quello che speriamo di avviare quanto prima, (dove ho raccontato della donna che ci ha preparati il Chai Tea), sembra che si stiano compiendo i primi passi e che si inizierà molto presto!

Per quelli di voi che hanno il piacere di dare un'occhiata a quello che sono riuscito a cucinare con un dollaro, ecco il riassunto di oggi. Mi sentivo di nuovo ispirato da tutto il vostro supporto, e nel complesso è stata una buona giornata. Fame? Sì. Desiderio di mangiare? Sicuramente. Ma entrambi trattenuti e con riconoscenza.'
Posta un commento

Post più popolari